Skip to main content

Come ci siamo arrivati: la regione africana dell'OMS certificata libera dal poliovirus selvaggio

Skip to main content

Durante questi tempi difficili, i Rotariani e i loro partner hanno dimostrato grande iniziativa nel superare le sfide

a cura di Accredito immagine:

A maggio 1997, Sam Okudzeto, all'epoca membro della commissione regionale africana PolioPlus del Ghana, stava volando in Sierra Leone per quello che sarebbe stato un incontro annuale di routine sull'eradicazione della polio in Africa. Ma all'atterraggio del suo aereo si rese conto guardando fuori dal finestrino, che c'erano soldati, con le armi spianate, che avevano invaso la pista.

Mentre Okudzeto si dirigeva verso il controllo passaporti, chiese a un funzionario dell'aeroporto cosa stesse succedendo. "Ascolti attentamente", gli fu detto. "Puoi sentire le pistole". C'era stato un colpo di Stato quella mattina.

"Abbiamo sentito solo bum, bum, bum", ricorda Okudzeto. "Mi resi quindi conto che l'aereo che ci aveva portato era sparito".

Senza taxi in funzione, Okudzeto e gli altri partecipanti alla riunione anche loro sull'aereo si diressero a piedi verso un hotel vicino. "Siamo andati tutti nelle nostre stanze per lasciare i bagagli e poi dirigerci al ristorante", ricorda. "Ho chiesto la sogliola più grande e succosa che avessi mai mangiato in vita mia, perché poteva essere la mia ultima cena". (Fortunatamente non lo fu, e quattro giorni dopo, Okudzeto e gli altri presero un elicottero per lasciare il Paese).

"C'è un nemico nella vita - ed è la paura", dice ora. "Per coloro che non hanno paura, è incredibile quello che si può fare. È fantastico vedere il risultato ora: l'Africa è libera dal poliovirus [selvaggio]".

I soci del Rotary di tutto il mondo hanno donato circa 890 milioni di dollari per l'eradicazione della polio nella regione africana. Scopri di più sull'opera del Rotary e considera la possibilità di fare una donazione su endpolio.org/it.

Nell'agosto 2020, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha certificato la regione africana libera dal poliovirus selvaggio, il traguardo in uno sforzo decennale che ha coinvolto milioni di soci del Rotary, operatori sanitari, funzionari governativi, leader tradizionali e religiosi e genitori. Dal 1996, anno in cui il poliovirus selvaggio ha paralizzato circa 75.000 bambini in tutta l'Africa, gli operatori sanitari hanno somministrato oltre 9 miliardi di dosi di vaccino orale contro la polio, prevenendo 1,8 milioni di casi di poliovirus selvaggio.

"Tutti hanno contribuito", dice Gaston Kaba, a lungo presidente della commissione PolioPlus del Niger (si è ritirato dalla carica nel giugno 2019). "Volontari, banditori, molte altre persone sono state coinvolte. Nessuno sa di loro. Hanno operato in silenzio per portare a termine l'opera".

 

Ultimi casi registrati di poliovirus selvaggio endemico nei Paesi della regione africana dell'OMS. Anni '80: Cabo Verde, São Tomé e Príncipe, Kenya Botswana, Mauritius, Comoros, Seychelles, Sudafrica, Lesotho, Eswatini Anni '90: Gambia, Guinea-Bissau, Sierra Leone, Liberia, Guinea, Mauritania, Mali, Algeria, Togo, Gabon, Camerun, Guinea Equatoriale, Uganda, Eritrea, Uganda, Ruanda, Burundi, Tanzania, Malawi, Mozambico, Zimbabwe, Zambia, Namibia, Madagascar Anni 2000: Costa d'Avorio, Ghana, Benin, Niger, Ciad, Repubblica Centrafricana, Repubblica del Congo, Repubblica Democratica del Congo, Sud Sudan, Etiopia, Angola Anni 2010: Nigeria

I 47 Paesi che compongono la regione africana dell'OMS ospitano quasi 1.400 Rotary club e 32.000 soci, molti dei quali hanno dedicato tempo e risorse allo sforzo. I soci del Rotary di tutto il mondo hanno donato circa 890 milioni di dollari per l'eradicazione della polio nella regione, chiesto il sostegno dei loro governi, mobilitato le comunità per le Giornate d'Immunizzazione Nazionale e hanno organizzato eventi per World Polio Day per sensibilizzare il pubblico.

L'eredità di questi sforzi è un'infrastruttura sanitaria che sta giocando un ruolo importante nella pandemia del COVID-19 ed è pronta a rispondere a future emergenze di salute pubblica. Le reti dei laboratori e di sorveglianza sviluppate per il tracciamento del poliovirus vengono utilizzate per monitorare altre malattie. Gli operatori della polio sostengono una serie di vaccinazioni di routine, consegnano medicinali per la sverminazione e sali per la reidratazione orale, e forniscono altri servizi sanitari. E continuano a vaccinare i bambini contro la polio, perché finché il virus non sarà eradicato dal nostro Pianeta, rimarrà una minaccia ovunque. "La dichiarazione dell’essere liberi dalla polio è un successo incredibile", ha detto Teguest Yilma, presidente della commissione PolioPlus dell'Etiopia. "Sono felice - ma non sono ancora rilassato".

In un periodo di sfide straordinarie, possiamo celebrare l'eradicazione del poliovirus selvaggio nella regione africana. Ecco solo alcune delle storie sulla grinta e determinazione che i soci del Rotary e i nostri partner hanno dimostrato nel superare le sfide e le battute d'arresto.


LE SFIDE

Conflitto
Voci
Bambini difficili da raggiungere
Volontà politica
Prossima fase

La sfida: conflitto

Boko Haram era contrario alle vaccinazioni, quindi molte strutture sanitarie sono state distrutte. L'immunizzazione non era qualcosa a cui si poteva minimamente pensare


A febbraio 2005, mentre la guerra civile infuriava in Costa d'Avorio, Marie-Irène Richmond-Ahoua è entrata nel cuore del territorio controllato dai ribelli. All'epoca presidente della commissione nazionale PolioPlus, Richmond-Ahoua si è unita ai rappresentanti dei partner del Rotary su un volo delle Nazioni Unite a Bouaké, dove si trovavano i ribelli. "Abbiamo incontrato i capi dei ribelli per pregarli di rendere sicure le giornate d’immunizzazione", ricorda, chiedendo la loro cooperazione nel fornire soldati per proteggere i vaccinatori. "L'hanno fatto. Per cinque giorni è stato facile raggiungere i bambini".

Nel corso degli anni, la sicurezza è stata una delle maggiori sfide per l'impegno di eradicazione della polio in Africa. Il Rotary e i suoi partner si sono adoperati per negoziare le tregue e la protezione militare per assicurare agli operatori sanitari di raggiungere ogni bambino nelle aree del conflitto. Nel 1994 e 1996, i ribelli del Sudan dell’Esercito della Liberazione del Popolo e il governo sudanese hanno accettato di rispettare i "corridoi di pace" dove i vaccinatori potevano viaggiare in sicurezza, e due anni dopo, con una sovvenzione PolioPlus è stato finanziato il trasporto aereo di vaccini nei villaggi in cui non avevano visto un operatore sanitario del governo per 15 anni. Nel 1985 in Uganda, il governo e l’Esercito della Resistenza Nazionale hanno permesso all'UNICEF di volare nel territorio controllato dai ribelli dopo che la guerra civile aveva tagliato fuori un terzo della popolazione dai servizi del governo. E alla fine del 1999, l'allora segretario generale dell'ONU Kofi Annan aveva negoziato una tregua nazionale in Sierra Leone per poter svolgere le Giornate nazionali d’immunizzazione.

A volte, gli spargimenti di sangue facevano deragliare gli sforzi di eradicazione della polio. La Nigeria pensava di aver visto il suo ultimo caso di poliovirus selvaggio nel luglio 2014. Ma poi il gruppo militante Boko Haram aveva impedito l'accesso ai vaccinatori alle sue roccaforti nello stato di Borno, nel nord-est della Nigeria, per diversi anni. "Boko Haram era contro le vaccinazioni, quindi molte strutture sanitarie sono state distrutte. L'immunizzazione non era nemmeno qualcosa a cui si poteva pensare", dice Tunji Funsho, che è stato presidente della commissione PolioPlus della Nigeria dal 2013. La poliomielite era incancrenita, non diagnosticata, nelle zone del Borno dove i bambini non avevano ricevuto i vaccini, e nel 2016 nel Paese si erano registrati quattro nuovi casi.

Il Rotary e i suoi partner si sono adoperati per negoziare le tregue e la protezione militare per gli operatori sanitari nelle aree del conflitto.

Accredito: Tony Karumba/AFP via Getty Images

Ma il governo nigeriano - così come il Rotary, i suoi partner, gli operatori sanitari e i volontari - non si è mai arreso. L'esercito nigeriano è diventato un partecipante chiave negli sforzi di vaccinazione. All'inizio, assicurava la protezione di un'area dove i vaccinatori passavano due giorni o meno ad immunizzare rapidamente i bambini prima di andarsene, una strategia chiamata "mordi e fuggi". Più tardi, i membri della milizia locale armata avrebbero scortato i vaccinatori tra le aree non sicure. Oggi, i membri dell’equipe medica dell'esercito portano il vaccino negli insediamenti in cui i civili non possono entrare e vaccinano i bambini da soli. "I militari sanno come prendersi cura di se stessi", ha dichiarato Funsho.

Funsho ricorda di aver visitato la casa della bambina colpita dall'ultimo caso di poliovirus selvaggio in Nigeria, un'altra vittima innocente dell'insurrezione. "Il potenziale per una bambina di tre anni nello Stato di Borno di potersi realizzare al meglio durante la sua vita è già molto basso - a livello educativo, sociale, e in tutti gli aspetti umani", ha continuato a dire. "Se aggiungiamo a tutto questo la paralisi dalla polio, qual è la speranza per quella bambina? È una cosa straziante".

La sfida: voci

In Nigeria, un altro ostacolo significativo sono state le voci persistenti sulla sicurezza del vaccino antipolio orale che si sono diffuse nella parte settentrionale del Paese nei primi anni 2000, secondo Funsho. I leader politici e religiosi scettici dicevano ai genitori di rifiutare le vaccinazioni, combinando la retorica del movimento anti-vaccino con teorie cospirative di un complotto occidentale per sterilizzare i musulmani. "Queste voci non erano nate sul posto. Venivano dall'estero e hanno trovato mezzi locali che le hanno sostenute", ha spiegato Funsho. "Hanno fatto in modo da trasformare le vaccinazioni in un affare di politica piuttosto che un mezzo per proteggere i nostri bambini dalla paralisi".

La situazione era peggiorata. Diversi Stati nel nord della Nigeria avevano cancellato tutte le attività di immunizzazione fino a quando i funzionari non hanno potuto dimostrare che il vaccino era sicuro, e il Paese era rimasto 14 mesi senza una Giornata nazionale d’immunizzazione. Il governo nigeriano, fortemente impegnato nell'eradicazione della polio, aveva creato un comitato che includeva importanti leader musulmani per verificare la sicurezza del vaccino. Dopo aver visitato i siti di produzione del vaccino avevano stilato un rapporto che aveva soddisfatto tutti tranne i leader politici e religiosi dello Stato di Kano, l'epicentro delle voci. I funzionari avevano inviato il loro comitato di esperti sanitari e studiosi religiosi in Indonesia, dove hanno riconfermato la sicurezza del vaccino prodotto in un Paese musulmano.

I soci del Rotary in Nigeria hanno offerto supporto ai leader del governo ed educato il pubblico per sfatare i miti persistenti sulla sicurezza dei vaccini.

Accredito: Diego Ibarra Sánchez

Nel frattempo, i soci del Rotary hanno continuato ad impegnarsi nella difesa e nell'educazione del pubblico. Ado Bayero, defunto emiro di Kano, era un sostenitore del Rotary Club di Kano, e Funsho era il suo medico personale. Essendo uno dei leader musulmani più influenti del Paese, l'emiro "era un grande amico del Rotary", secondo Funsho. "Sapeva che il Rotary non avrebbe portato nulla di dannoso". L'emiro aveva dimostrato la sua fiducia nel vaccino orale antipolio immunizzando personalmente i suoi nipoti nel suo palazzo. "Avevamo usato questo a nostro vantaggio nei media".

Nel vicino Niger, un Paese la cui popolazione è al 99% musulmana, l'allora presidente Mamadou Tandja aveva respinto le voci persistenti in un discorso chiave per lanciare una campagna di vaccinazione nel 2004. Aveva tenuto il discorso in Hausa, una lingua ampiamente parlata in Niger e in Nigeria, che aveva reso il suo messaggio sull'importanza della vaccinazione ancora più efficace. "Tandja aveva comunicato un messaggio molto potente", ha affermato Kaba, ex presidente della commissione PolioPlus del Niger. "Ha fatto riferimento al Corano. E non si scherza con il Corano". Un mese dopo, il Rotary aveva conferito a Tandja il Premio Campione dell'Eradicazione della Polio.

I casi di polio in Africa erano in calo fino ai primi anni 2000. Ma le voci e le mancate immunizzazioni avevano portato all'esportazione del virus dalla Nigeria a quasi 20 Paesi. "Non appena abbiamo superato questo ostacolo, la linea del grafico è andata gradualmente sempre più giù fino ad arrivare a zero", ha spiegato Funsho.

La sfida: bambini difficili da raggiungere

Circa 800.000 rifugiati vivono in Etiopia, la maggior parte di loro dall'Eritrea, dalla Somalia e dal Sud Sudan. "I nostri confini sono molto porosi. Molte persone entrano ed escono dai Paesi vicini", ha spiegato Yilma. Così il governo coordina campagne di vaccinazione transfrontaliere con le nazioni circostanti per assicurarsi che il virus non venga portato oltre il confine.

Per eradicare il poliovirus selvaggio in Africa, gli operatori sanitari hanno dovuto vaccinare bambini difficili da raggiungere, come quelli di questo campo per sfollati nel nord della Nigeria.

Accredito: Andrew Esiebo

Il Paese ha alcuni dei terreni più difficili dell'Africa - da altipiani montuosi a vaste pianure desertiche a centinaia di metri sotto il livello del mare. Ci sono alcuni luoghi dove gli operatori sanitari devono camminare diverse ore per raggiungere una singola famiglia, e altri che sono così densamente popolati che assicurare che ogni bambino sia vaccinato può risultare difficile. "L'Etiopia non ha affrontato una situazione come in Nigeria, dove la gente si rifiutava completamente di essere vaccinata", ha detto Yilma. "I problemi in Etiopia riguardano la grande popolazione nomade e la topografia dell'Etiopia che rende molto difficile raggiungere le persone".

In tutta la regione africana, milioni di operatori sanitari hanno viaggiato a piedi, in barca, in bicicletta e in autobus durante la decennale campagna di eradicazione

In tutta la regione africana, milioni di operatori sanitari hanno viaggiato a piedi, in barca, in bicicletta e in autobus durante la decennale campagna di eradicazione. Le sovvenzioni della Fondazione Rotary li hanno sostenuti lungo il cammino. Nel 2000, le prime campagne d’immunizzazione multinazionali sincronizzate dell'Africa hanno raggiunto 76 milioni di bambini in 17 Paesi.

I soci del Rotary di altri Paesi sono venuti spesso in Etiopia per fare volontariato durante le Giornate d'Immunizzazione Nazionale, fornendo una spinta morale ai soci e alle comunità locali. I visitatori hanno visto anche altri bisogni e si sono fatti avanti per aiutare, secondo Yilma, sostenendo progetti idrici e scuole oltre all'eradicazione della polio.

Le iniziative sanitarie correlate - il "Plus" di PolioPlus - hanno fatto molto per convincere le comunità locali ad accettare il vaccino antipolio, ha spiegato Funsho. Durante le epidemie di polio in Nigeria, i bambini venivano visitati frequentemente dagli operatori sanitari che effettuavano le vaccinazioni, ma spesso le famiglie non avevano acqua potabile o accesso alle medicine di base. Le sovvenzioni della Fondazione hanno permesso ai soci del Rotary di installare pozzi ad energia solare, prima negli insediamenti per gli sfollati a Borno e poi nelle comunità circostanti. "Questo ha fatto sì che il Rotary si sia affezionato alla zona", ha dichiarato Funsho.

La sfida: volontà politica

Era il 1996. Quell'anno il poliovirus selvaggio avrebbe paralizzato 75.000 bambini in tutta l'Africa. Un decennio prima, i ministri della Salute africani avevano concordato un obiettivo per raggiungere il 75 percento dei bambini con i vaccini entro il 1990 - ma i progressi fatti erano stati cancellati di fronte all'economia regionale in deterioramento, alla siccità persistente, alle priorità sanitarie concorrenti e alle guerre civili debilitanti. L'eradicazione della polio aveva bisogno di un paladino.

Il Rotary e i suoi partner ne hanno trovato uno in Nelson Mandela. Avvicinato dai leader del Rotary, Mandela, allora presidente del Sudafrica, aveva accettato di sostenere la causa. Al summit di luglio 1996 dell'Organizzazione dell'Unità Africana (il predecessore dell'Unione Africana), Mandela aveva galvanizzato i suoi colleghi capi di Stato africani per rendere l'eradicazione della polio una priorità urgente. Nel giro di poche settimane, Mandela, con i leader del Rotary al suo fianco, aveva lanciato la campagna Kick Polio Out of Africa, usando le partite di calcio e le star dello sport per raccoglierne il sostegno. Entro la fine dell'anno, più di 30 Paesi avevano organizzato Giornate d'Immunizzazione Nazionale o Subnazionale, e 60 milioni di bambini erano stati vaccinati. "Il coinvolgimento dell'Unione Africana, in particolare di Mandela, aveva un enorme significato per noi", ha dichiarato Okudzeto. "È stato fantastico".

I soci del Rotary hanno usato i loro ruoli di rispetto nella società - e spesso il loro carisma personale - per chiedere ai loro governi di attivarsi nell'eradicazione della polio. "La sicurezza e la volontà politica erano le sfide più grandi", secondo Richmond-Ahoua, presidente della commissione PolioPlus della Costa d'Avorio dal 1996 al 2014. "Abbiamo dovuto convincere la società civile, gli opinionisti, i genitori, i capi tradizionali e i leader religiosi. Porre fine alla polio non era un'opzione, era un obbligo".

I soci del Rotary hanno usato i loro ruoli di rispetto nella società per chiedere ai loro governi di attivarsi nell'eradicazione della polio

Quest’opera di advocacy non era affascinante; comportava incontri regolari con i ministri della Sanità e i loro membri dello staff per ricordare loro che il poliovirus era ancora presente. E a volte i soci del Rotary dovevano essere creativi per convincere i leader recalcitranti che era loro responsabilità immunizzare i cittadini del loro Paese. Richmond-Ahoua ha una storia da raccontare a proposito.

Era il 2000, e c'era stato un colpo di Stato in Costa d'Avorio. Il nuovo governo non voleva realizzare le Giornate d'Immunizzazione Nazionale. Richmond-Ahoua decise di andare a casa del capo di Stato - senza un appuntamento.

Al suo arrivo, chiese di vedere la moglie del generale Robert Guéï, che aveva assunto il comando dopo il colpo di Stato. "Mi hanno guardato come se fossi pazza", ha ricordato. "Ma i Rotariani corrono dei rischi quando vogliono qualcosa". Dopo aver aspettato più di cinque ore, era stata finalmente invitata a incontrare la first lady, Rose Doudou Guéï. Dopo averle spiegato perché era lì, la first lady era completamente d'accordo, e non solo convinse suo marito sull'importanza delle NID, ma ha partecipato a una lei stessa. "È una donna. Ha dei figli. Aveva capito", ha spiegato Richmond-Ahoua.

Questa storia di Richmond-Ahoua è un chiaro esempio dell'impegno quotidiano dei soci del Rotary per mantenere la polio in cima all'agenda politica nei Paesi del continente. Anche se ora l'Africa è libera dalla polio, l’opera continua, secondo Richmond-Ahoua. "Dobbiamo assicurarci che la volontà politica sia forte per completare l’opera".

Kaba ricorda di aver guardato una mappa del Niger con Tandja, Presidente del Paese dal 1999 al 2010. "Il Niger è un Paese enorme, grande quanto la California e il Texas messi insieme, e due terzi del Paese sono deserti. Aveva chiesto: “Possiamo eradicare la polio da questo Paese?". "Gli ho risposto: “Sì, con il tuo aiuto, possiamo".

Prossima fase

Finché il poliovirus sopravvive ovunque esso sia, è lontano quanto un viaggio in aereo. I tassi d’immunizzazione di routine in Nigeria non sono abbastanza alti da garantire che se il poliovirus selvaggio viene importato nuovamente nel Paese, altri bambini non rimarranno paralizzati. Il Paese avrà ancora bisogno di organizzare regolari Giornate d’immunizzazione nazionale, anche se non al ritmo con cui si tenevano prima della certificazione. "Il nostro slogan attuale è “Mantenere la polio a zero", ha dichiarato Funsho.

Tu puoi fare la tua parte nel mantenere l'Africa libera dal poliovirus selvaggio - e nell'eliminare la polio negli ultimi due Paesi polio-endemici, Afghanistan e Pakistan. Ogni contributo al Fondo PolioPlus ci avvicina al nostro obiettivo di 50 milioni di dollari all'anno per eliminare la polio. Con ogni dollaro equiparato con un rapporto di 2 a 1 dalla Bill & Melinda Gates Foundation, la tua donazione arriva ancora più lontano nell’aiutare a raggiungere i bambini in ogni parte del mondo con il vaccino antipolio, così come altri vaccini salvavita e assistenza sanitaria. Faiuna donazione su endpolio.org/it/donate.

• Questo articolo è stato già pubblicato nel numero di febbraio 2021 della rivista Rotary .


Contenuto correlato

Nonostante la pandemia, l'importante lotta contro la polio deve continuare

World Polio Day:Focus sull'evento principale del Rotary

4 questions about working with Rotary to eradicate polio with Bill Gates (in inglese)

Questo articolo è stato già pubblicato nel numero di ottobre 2020 della rivista

Durante questi tempi difficili, i Rotariani e i loro partner hanno dimostrato grande iniziativa nel superare le sfide.